Destaci dal sonno dell’indifferenza

Pronto Intervento Sociale
Emergenza Caldo, Andria attiva il NUMERO VERDE 800 589 346
10 August 2017
Non amiamo a parole ma con i fatti
“Non amiamo a parole, ma con i fatti e nella verità”: Giornata Mondiale dei Poveri
12 November 2017
Destaci dal sonno dell’indifferenza

Si celebra oggi nel nostro Paese la Giornata nazionale in memoria delle vittime delle migrazioni.
Il 3 ottobre 2013, a pochi metri dalle coste di Lampedusa, fecero naufragio e persero la vita 368 persone. Uno dei più tragici, ma non l’unico e neppure l’ultimo, dei naufragi di questi anni avvenuto nel braccio di mare che separa le nostre coste dall’Africa.

Ancora nel 2016 vi sono annegati oltre 5.000 migranti, e in questi primi mesi del 2017, 2861 persone.
Preghiamo oggi per le vittime delle migrazioni, perché il Signore conceda loro di raggiungere quel-la vita che qui in terra è stata loro negata, e perché desti noi dal sonno dell’indifferenza, con le parole che papa Francesco ha pronunciato a Lesbo il 16 aprile 2016:

“Dio di misericordia … Ti preghiamo per tutti gli uomini, le donne e i bambini, che sono morti dopo aver lasciato le loro terre in cerca di una vita migliore.
Benché molte delle loro tombe non abbiano nome, da Te ognuno è conosciuto, amato e prediletto.
Che mai siano da noi dimenticati, ma che possiamo onorare il loro sacrificio con le opere più che con le parole.
Ti affidiamo tutti coloro che hanno compiuto questo viaggio, sopportando paura, incertezza e umiliazione, al fine di raggiungere un luogo di sicurezza e di speranza.
Come Tu non hai abbandonato il tuo Figlio quando fu condotto in un luogo sicuro da Maria e Giuseppe, così ora sii vicino a questi tuoi figli e figlie attraverso la nostra tenerezza e protezione.
Fa’ che, prendendoci cura di loro, possiamo promuovere un mondo dove nessuno sia costretto a la-sciare la propria casa e dove tutti possano vivere in libertà, dignità e pace.

Dio di misericordia e Padre di tutti, destaci dal sonno dell’indifferenza, apri i nostri occhi alle loro sofferenze e liberaci dall’insensibilità, frutto del benessere mondano e del ripiegamento su sé stessi.
Ispira tutti noi, nazioni, comunità e singoli individui, a riconoscere che quanti raggiungono le nostre coste sono nostri fratelli e sorelle.
Aiutaci a condividere con loro le benedizioni che abbiamo ricevuto dalle tue mani e riconoscere che insieme, come un’unica famiglia umana, siamo tutti migranti, viaggiatori di speranza verso di Te, che sei la nostra vera casa, là dove ogni lacrima sarà tersa, dove saremo nella pace, al sicuro nel tuo abbraccio”.

Translate »